Come smaltire toner: guida alla gestione rifiuti da ufficio per le imprese

Secondo l’attuale sistema normativo qual è la procedura smaltimento toner? A quali obblighi sono soggette le imprese che producono rifiuti da ufficio? La gestione dei rifiuti è un’operazione molto delicata e disciplinata dal D.Lgs 152/06. Chi non rispetta i criteri di un corretto smaltimento è esposto a sanzioni economiche e penali, in base al tipo di rifiuto.

Buttare Toner: Smaltimento rifiuti da ufficio

Come smaltire toner? I toner, come del resto le cartucce da stampante, fanno parte di una particolare categoria di rifiuti, ovvero quelli speciali, che a loro volta sono articolati in pericolosi e non.

I rifiuti speciali prodotti da imprese e titolari di partita iva sono oggetto di iter completamente diversi rispetto a quelli dei rifiuti generati da privati cittadini.

Anzitutto l’impresa risulta responsabile del rifiuto e perché possa seguire la corretta procedura smaltimento toner dovrà identificarlo. A seconda del tipo di rifiuto speciale, pericoloso o non, sono previsti obblighi differenti, stabiliti dall’attuale impianto normativo.

Quando un toner rientra nella categoria dei rifiuti speciali pericolosi? Il parametro per riconoscere la natura del rifiuto corrisponde al codice CER, Catalogo europeo dei rifiuti. Si tratta di un codice fornito dalla società produttrice del toner, se pericoloso sarà presente un asterisco.

Procedura smaltimento toner: Come fare con rifiuti speciali pericolosi

Qual è la procedura smaltimento toner in caso di rifiuti speciali non pericolosi? Toner e cartucce dovranno essere riposti in contenitori ecologici denominati “ecobox”, questi devono essere ubicati nella sede dell’impresa e dovranno essere vuotati almeno una volta ogni 12 mesi.

La gestione dei toner esausti deve essere affidata a una società di smaltimento che andrà ad acquisire i toner posti negli “ecobox”.

Se invece il rifiuto speciale è pericoloso, crescono notevolmente gli obblighi di legge da rispettare. L’impresa dovrà disporre di uno spazio da adibire a deposito con accesso riservato.

Per spostare i rifiuti l’azienda dovrà essere in possesso del registro di carico e scarico, nonché rivolgersi a un trasportatore di rifiuti qualificato. Quest’ultimo, oltre al ritiro del materiale, si farà carico della redazione del Formulario identificativo del rifiuto.

È indispensabile poi aver compiuto l’iscrizione al Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti e redatto il Modello unico di dichiarazione ambientale.

Quale società di smaltimento rifiuti scegliere?

Lo smaltimento cartucce è un gesto tutt’altro che banale. Di quale impresa specializzata nello smaltimento rifiuti servirsi? EcoRecupero assicura un servizio completo di raccolta, trasporto, recupero e/o smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in ufficio.

L’attività di EcoRecupero permette di usufruire di un risparmio sui costi di smaltimento, tutelando così l’ambiente e liberando il cliente da qualunque responsabilità civile o penale.

Sei interessato a un preventivo o vuoi scoprire in dettaglio l’offerta di EcoRecupero? Visita il sito ecorecupero.it o chiama il numero verde 800 198410.